La Val d’Orcia vanta il paesaggio più celebrato della Toscana, e forse del mondo intero.  Un territorio fatto di silenzio e di grandi spazi dove tra morbide colline di argilla, filari ordinati di cipressi preludono a borghi e casolari antichi. Una semplicità che fin dal primo sguardo induce una pace profonda e si traduce in intima bellezza. E’ uno scenario creato dall’uomo e tuttavia reso quasi surreale dalla rarità della stessa presenza umana.
In realtà, l’intero territorio è denso di storia: dai borghi medievali di Buonconvento e Montalcino,  al cuore rinascimentale di Pienza, dall’Abbazia di Monte Oliveto Maggiore, tra le Crete Senesi, a quella di Sant’Antimo, lungo l’antica Via Francigena.
Sono solo alcune delle emergenze storiche e artistiche tra cui si snoda l’itinerario proposto da On-the-Road. Un itinerario che non può non comprendere anche i prodotti enogastronomici locali tra cui emergono per eccellenza il Brunello di Montalcino, il Tartufo bianco e il Pecorino di Pienza. Una ricchezza di sapori che fa da giusto corollario a un territorio a cui l’UNESCO ha riconosciuto il valore di Patrimonio dell’Umanità